UNA SCELTA INSOLITA

 

Nel panorama degli strumenti musicali i fiati occupano un ruolo importante. Clarinetti, oboe, sax, tromboni, trombe e flauti. La tromba e il trombone non sono ambiti in cui il genere femminile sia molto rappresentato. A chi non è un conoscitore di musica viene quasi impossibile rispondere alla domanda “Mi dici il nome di una famosa trombettista?”. Sono infatti una rarità. Ed è per questo che un giorno, folgorata dall’aver visto in un video la più grande suonatrice di tromba del mondo, Giovanna, 40 anni, decide di fare un corso di tromba.

Ha pensato “ho amiche che suonano il violino, il pianoforte, una persino l’arpa, il flauto. Io voglio imparare la tromba per essere diversa. E poi se riesco a imparare bene posso suonare con loro.”

Si mette alla ricerca e trova una bella scuola dove si insegna la tromba. L’insegnante di musica che si occupa della tromba è un americano di colore che vive in Italia ormai da trent’anni. Un tipo simpatico che lavora all’ambasciata degli Stati Uniti in Via Veneto a Roma. Come hobby insegna la tromba, i suoi allievi lo chiamano “Armstrong” come il grande Louis. Prima di iscriversi, Giovanna, ne vuole parlare con il marito Quirino, un classico soggetto dai valori un po’ retrò e un pò provinciale, ma tanto caro.

In cucina mentre prepara gli spaghetti all’assassina per la famiglia, Giovanna “Quiri, ho deciso di frequentare un corso di musica per imparare a suonare, così posso suonare con Bea e Tea”

“Brava, ottima idea. Devi andare un paio di volte a settimana?”

“Si. Domani vado a iscrivermi. Il maestro mi deve far vedere lo strumento per prenderci confidenza in modo che possa imparare l’impugnatura e come poi poggiarci sopra la bocca. Infatti mi ha detto che bisogna prima imparare bene la presa e solo dopo posso usare le labbra. Mi ha detto che le prime volte è un po’ un casino. Sai che il maestro è uno simpaticissimo di colore che lavora all’ambasciata?”

Quirino, che stava guardando il tg, toglie lo sguardo dallo schermo e assume un espressione preoccupata. Il suo cervello sta elaborando alcuni termini e verbi che la moglie ha citato e cerca di rimetterli in ordine in quanto c’è qualcosa che non gli torna nella suo ragionare elementare. In breve immagina la moglie fare un assolo nel girone dei lussuriosi nell’inferno dantesco e si accascia sulla poltrona.

“Mamma, mamma papà è svenuto”. Giovanna accorre e con un paio di buffetti lo fa rinvenire.

“Ma non devi imparare il violino?” dice Quirino con voce flebile

“Non l’ho mai detto amore. Ho deciso di imparare a suonare la tromba. Voglio che tu vada orgoglioso di me. Con i tuoi amici devi poterti vantare che tua moglie suona la tromba come Alison Balsom, la più grande suonatrice di tromba del mondo.”

“Mi sarei sentito più orgoglioso con il  violino…” e sviene di nuovo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...