L’ASSENZA

Dunque, cerchiamo di stare calmi. Lei arriva tra un paio d’ore.

Verifichiamo i punti critici dell’assenza da casa per qualche giorno di una moglie. La roba stesa da sei giorni é stata ritirata e piegata? Preveniamo la frase “ecco, lo sapevo, dove l’ho lasciata lá stá”.

La lavastoviglie è stata svuotata?  Se non l’avete fatto cambiate almeno la disposizione dei piatti e dei bicchieri per far capire che c’é stato movimento.  Lei ricorda perfettamente se il cucchiaio di legno era messo in verticale o orizzontale. La caffettiera é stata pulita o sta ancora lì con il caffé che é diventato un dischetto da hockey su ghiaccio?

La spazzatura  è stata buttata con il criterio della differenziata? O avete fatto come al solito un unico pacco di bottiglie di birra, vaschette di plastica, carta e bucce di frutta ormai decomposte?  Ora di corsa a passare in rassegna i bagni. Le mutande e le calze sono ancora disposte “random” come piace a voi o le avete messe nel cesto della roba sporca? Fatelo subito.

Immediatamente facciamo una passata di aspirapolvere  per eliminare quelle briciole che anche lei conosce e che se non eliminate saranno pronte a testimoniare contro di te  “siamo qui da sei giorni, non ci toglie mai nessuno…”.

Presto un giro nelle camere da letto, veloce, tirate le lenzuola e tendete i materassi come l’arco di Ulisse così da sembrare perfetti e curati. Bene?  Ora rilassatevi ma non troppo, lei troverà sicuramente una cosa che non avete fatto e sarà quella più importante ” ma almeno il latte potevi comprarlo?!, devo fare sempre tutto io in questa casa, basta che manco qualche giorno e qui non si capisce più niente. Lo sai  che per il latte non preso c’è una sanzione?  Riso in bianco per una settimana. Accetti o vuoi giocare la carta Imprevisti?”

“Gioco la carta Imprevisti. Voglio rischiare.”

Lei prende un grosso mazzo di carte come quelle del Monopoli, le mischia e lo porge al marito che ne estrae una. La guarda, si incupisce e la restituisce a lei con un aria desolata. Lei la guarda e vede DOMENICA CAMBIO STAGIONE DEGLI ARMADI.

“Hai voluto rischiare? Hai perso. Ma ti amo. Mi piace il tuo coraggio. Potevi restare con il riso in bianco e invece…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un pensiero su “L’ASSENZA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...